Anche per il 2019 è possibile usufruire di detrazioni per spese sostenute per la propria casa. Una di queste è il bonus infissi 2019, anche nominato bonus finestre 2019. Tale agevolazione permette di detrarre del 50% le spese sostenute per sostituzione e installazione di nuovi infissi e finestre.

Tuttavia, chi può beneficiare di questa agevolazione? Quali sono le modalità da adottare e i documenti necessari da presentare?

Bonus infissi 2019: come funziona?

Con la Legge di Bilancio 2018, dal 1° gennaio per spese relative a finestre, caldaie, tende da sole e zanzariere non si può più beneficiare della detrazione del 65%, bensì solamente di quella al 50%, indipendentemente che l'intervento abbia lo scopo di migliorare l'efficienza energetica.

Per ottenere il riconoscimento del bonus, le spese per i nuovi infissi devono avvenire tramite bonifico parlante oppure bonifico online bancario o postale indicante:

- la legge di riferimento: si deve indicare quella del bonus ristrutturazione o quella dellE'cobonus
- i dati del beneficiario
- i dati del destinatario
- la causale

Per usufruire del bonus, è necessario inviare una comunicazione ENEA entro 90 giorni dal fine lavori.
Dopo aver pagato la spesa, è importante conservare l'intera documentazione per (almeno) dieci anni. Questo perché la detrazione totale viene suddivisa in dieci quote di uguale importo e ciascuna va dichiarata in dieci anni con la dichiarazione dei redditi. Per esempio, la prima quota del bonus è da dichiararsi attraverso il modello 730/2020 oppure il modello Redditi 2020.

Bonus infissi 2019: quali spese possono essere detratte?

Le spese che possono essere detratte con l'agevolazione al 50% sono:

- interventi per installare o sostituire serrature, lucchetti, spioncini, ecc.
- interventi per installare grate sulle finestre o per sostituirle
- interventi per installare rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti
- interventi per installare, sostituire o rafforzare cancellate o recinzioni
- vetri antisfondamento
- saracinesche
- tapparelle metalliche con bloccaggi

E ancora:

- riparare o sostituire davanzali, finestre e balconi
- allargare finestre esterne
- sostituire infissi senza modificarne la tipologia

Bonus infissi 2019: come richiederlo e come dichiararlo?

Per richiedere il bonus infissi 2019, è necessario:

  • se prevista, inviare comunicazione di inizio lavori all'ASL tramite raccomandata A.R.
  • le spese detraibili devono essere pagate tramite bonifico parlante oppure bonifico online bancario o postale con indicato esplicitamente la causale, il codice fiscale del beneficiario e del destinatario del pagamento.

Per dichiarare il bonus, invece, la procedura è più lunga e richiede maggiori dati.

  • Nella dichiarazione dei redditi, vanno indicati i dati catastali identificativi dell'immobile e quelli relativi alla registrazione dell'atto di acquisto in caso di proprietà o altri dati richiesti per il controllo della detrazione
  • E' necessario conservare i seguenti documenti:
    - concessioni o autorizzazioni dell'inizio lavori
    - comunicazione all'ASL dell'inizio lavori, se  necessario
    - domanda di accatastamento nel caso l'immobile non fosse ancora censito
    - ricevute IMU, se dovute
    - delibera condominiale se le spese riguardano parti  comuni di edifici residenziali
    - nel caso i lavori non fossero eseguiti dal proprietario, autorizzazione dello stesso all'inizio lavori
    - fatture e ricevute attestanti le spese
    - ricevute dei bonifici di pagamento
  • Comunicazione all'ENEA entro 90 giorni dal fine lavori

 

 

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Se continui ad utilizzare questo sito noi assumiamo che tu ne sia felice.